• Pubblicato: Mercoledì, 14 Ottobre, 2015 - 16:12
  • Autore: Adima

L'esperienza di sostenitrice oltre ad aver aggiunto senso alla mia esistenza, mi ha fatto scegliere CCS Italia quale associazione a cui dedicare un gesto che nasce da un'idea collettiva assieme alle persone della mia Società, con loro è emerso il desiderio di pensare anche a chi la vita ha riservato un destino di gran lunga più difficoltoso del nostro… Questo per far capire che anche se a ognuno di noi sembra già impossibile far fronte a tutti gli impegni a cui siamo chiamati, possiamo ugualmente adoperarci per essere socialmente utili e sostenere le persone che attraverso associazioni serie e coraggiose come CCS si occupano di intervenire in luoghi dove nulla è scontato, neppure l’essere bambino…

Da qui l'idea di una iniziativa chiamata "Uno scatto per la vita", con la quale desideriamo contribuire alla realizzazione di alcuni progetti di CCS, in primis quello previsto per la realizzazione di aule temporanee in Nepal dopo la devastazione del terremoto di 6 mesi fa.

Esporremo presso i nostri uffici temporanei e le nostre aule di formazione gli scatti di fotografi  professionisti e amatoriali. Sarà possibile acquistarle e contribuire così al progetto di costruzione di aule temporanee per tanti bambini nepalesi.

Ci piacerebbe che oltre alle singole persone, anche le medie e piccole realtà imprenditoriali alle quali andremo a presentare il nostro progetto di raccolta fondi, fossero sensibili e ricettive a introdurre come noi, nella loro quotidianità lavorativa, un piccolo ma grande gesto, come quello di arredare le pareti della loro azienda con una foto tratta da "Uno scatto per la vita" o essere per loro un esempio e un'ispirazione a creare una qualche altra idea di collaborazione e promozione dei progetti di CCS a favore dei diritti dei bambini.”